Your Fashion Inspiration


KENZO RUNWAY FALL/WINTER 2018/2019

KENZO RUNWAY FALL/WINTER 2018/2019

Dalla passerella a una produzione cinematrografica

Suddivisa in due episodi diversi e distinti che raccontano però la stessa storia, lo Show di Kenzo si sviluppa in una prima parte interamente dedicata all’uomo e in una seconda completamente dedicata alla donna. L’ispirazione rimane comunque la stessa come del resto anche i materiali e colori. Humberto Leon e Carol Lim, menti creative di Kenzo, questa stagione hanno voluto raccontare la loro storia e hanno trasformato la sfilata in una vera e propria produzione cinematografica degna di Hollywood. Molte dunque le references ai capolavori del grande schermo: da “Interview With the Vampire” che compare come decoro su una t-shirt da indossare su gonne a sirena, a “Chungking Express” rappresentato dai cappotti maschili e le combo militari, infine emerge tutta una parte romantica chiaramente ispirata a “In the mood for love”.

“La narrazione è l’aspetto fondamentale da dove iniziamo sempre“, ha spiegato Leon. “Le nostre collezioni sono completamente narrate, quindi portiamo questo treno di pensieri negli spettacoli, quindi gli spettacoli [diventano] una grande storia che stai guardando prendere vita. Mentre i capelli sbiancati di Leon erano il punto di partenza aneddotico, un messaggio più ampio del cinema di culto era ciò che determinava i vestiti su una scala più ampia. La formazione femminile, ad esempio, presentava manifesti cinematografici di Kenzo-Campy come stampe, look irriverenti da signora, femme fatale ed abiti da festa ricchi di paillettes. Per i ragazzi, i pantaloni a vita alta con gilet maglione rimpiccioliti, i capispalla estroversi e le tute per il tempo libero luccicanti hanno segnalato un talento sufficiente per eccitare il giovane Humbertos di oggi. In linea con il flashback del 1998, i designer hanno disegnato gli sguardi con pezzi di archivio pertinenti e personalizzato i delicati motivi floreali di vecchie stampe. Tra i vari riferimenti cinematografici, c’erano anche tracce di riferimenti di moda nuovi e vecchi. Ma più o meno allo stesso modo in cui i designer hanno ammesso di aver visto centinaia di film insieme nel corso degli anni, e il nebbioso mix di colonne sonore avrebbe rappresentato tutti i momenti musicali condivisi, hanno sicuramente approfondito centinaia di collezioni di stilisti. E tutta quella cultura si stava coalizzando in un modo che i più giovani scopriranno per la prima volta. Le collezioni non erano prive di aspetti imbarazzanti. Eppure, mentre i personaggi ballavano con “Dreams” dei Cranberries, questo sembrava complementare al messaggio di Lim e Leon riguardante il proprio stile così eccentrico e libero dagli schemi, talvolta scomposto.

Carol Lim e Humberto Leon hanno spiegato lo spettacolo avvenuto il 28 Febbraio con un film liberamente girato in autobiografia e proiettato in tempo reale.

RUNWAY

Fotografo Kim Weston Arnold / Indigital.tv.

 

No Comments
Leave a Comment:

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.